B.O.E.M.: IL DEBUTTO DISCOGRAFICO DELL'OMONIMA BAND - Rising Time

Latest News

B.O.E.M.: IL DEBUTTO DISCOGRAFICO DELL'OMONIMA BAND


La band di recente formazione B.O.E.M. presenta il suo debutto discografico omonimo, una visione rinnovata dei canoni della roots reggae music attraverso dieci brani originali che esaltano il racconto di storie ed esperienze. Dieci canzoni che vogliono recuperare il valore di testo e melodia con l’attitudine tipica dei folksinger, raccontando di sofferenza, affari di cuore, rotture col passato, dello stare insieme e della voglia di essere persone nuove che tengono per mano la propria vita. Lo scopo è quello di ridare spazio alla vibrazione della parola attraverso il canto che a volte è un canto di struggimento, altre volte è una liberazione o semplicemente una canzone d’amore. Per questo motivo il disco è comparabile alle ballate di Kenny Rogers e Roger Miller fonte di ispirazione, negli anni, di artisti come Beres Hammond e Freddie McGregor ed è centrato sullo stile di canto tipicamente soul strizzando l’occhio agli stili di Sam Cooke e dello stesso Marley, traendo da questo marchio di fabbrica una spiccata originalità rispetto al panorama reggae attuale. 
L’album è stato registrato da OhmGuru presso LeDuneStudio di Loris Ceroni e mixato allo Shengen Studio di Alborosie a Kingston, Giamaica; mentre il mastering è stato eseguito da Jeff Lipton al Peerless Mastering Studio, Boston, USA. 
B.O.E.M. è disponibile su tutte le piattaforme sia in formato digitale che in CD fisico.

Followers

Flag Counter

Contact Us

Name

Email *

Message *

About Us

Rising Time's staff includes different figures within it, each and everyone linked to the other by the love for Black Music . The idea arose in 2013, but has become a true reality only in 2014, when DiMa and Ele decided to combine their skills to give life to a mixed project focused not only on music production but also as a real benchmark or simply an information point for reggae music lovers and similar, highlighting the events and venue of the Italian territory and the “made in Italy” productions.