Train to Roots - reggae, realtà e cultura dalla Sardegna - RISING TIME - Official Site

Latest News

Train to Roots - reggae, realtà e cultura dalla Sardegna


I Train to Roots, band raggae sarda attiva dal 2004, spiccano come una delle realtà più interessanti della scena reggae italiana.
Tre voci e cinque musicisti con all'attivo tre album (Train to Roots - 2005, Terra e Acqua - 2008 e Breathin' Faya - 2011) da anni portano in giro i loro live “caldi” e
coinvolgenti, con shows che toccano diverse sfumature della reggae music e della black music più in generale; un percorso artistico degno di nota che in quasi 10 anni ha dato loro la possibilità di arricchirsi di esperienze e collaborazioni con molti artisti internazionali e di partecipare ai più prestigiosi festival europei di musica in levare.

Per il 2013 è prevista l'uscita del quarto album e pare che la band abbia già iniziato le registrazioni in studio.
Invitandovi a visitare le pagine ufficiali del progetto
Train to Roots - OFFICIAL WEBSITE
Train to Roots - OFFICIAL FACEBOOK FAN PAGE
Train to Roots - OFFICIAL YOUTUBE CHANNEL
vi salutiamo lasciandovi alla visione di due video; il primo è il video ufficiale di “Easy”, una cover del celebre brano dei Commodores del 1977. (I commodores sono una storica band formatasi nel '68, il cui cantante era Lionel Richie)
Il secondo è invece un breve documentario realizzato dalla band che svela molte curiosità sulle produzioni made in casa Train to Roots!!!

Un grosso big up da tutto lo staff Rising Time per questa eccezionale band... stay tuned



Followers

Flag Counter

Contact Us

Name

Email *

Message *

About Us

Rising Time's staff includes different figures within it, each and everyone linked to the other by the love for ReggaeMusic . The idea arose in 2013, but has become a true reality only in 2014, when Andrea DiMa and Elena Lombardo decided to combine their skills to give life to a mixed project focused not only on music production but also as a real benchmark or simply an information point for reggae music lovers and similar, highlighting the events and venue of the Italian territory and the “made in Italy” productions.